Perché il Cile ha così tanti terremoti e tsunami

La grandezza 8.2 terremoto che ha colpito al largo delle coste del Cile il 1 aprile 2014, è stato l'ultimo di una serie di grandi terremoti e tsunami a colpire quella zona negli ultimi anni. Il sisma sottomarino e la conseguente 7 piedi (2,1 m) tsunami uccise 7, rovesciato edifici, e gravemente danneggiato la flotta cilena. Eventi Terremoto / tsunami nel 2010 (M8.8), 2007 (M7.7), 2005 (M7.8) e 2001 (M8.4) hanno ucciso più di 1.000 e inflitto miliardi di dollari di danni.

Il più potente terremoto mai registrato, di magnitudo 9.5, ha colpito la costa del Cile il 22 maggio 1960. La scossa mostro scatenato un 82 ft (25 m), dello tsunami che non solo martoriato la costa occidentale del Sud America, ma rotolò in tutto il bacino del Pacifico , devastando Hilo, Hawaii, e villaggi costieri dannosi lontani come il Giappone e le Filippine. Alcune fonti stimano 6.000 morti e 800 milioni di dollari la perdita di proprietà (6 miliardi di dollari nel 2014).

Perché questa zona del pianeta terra deporre le uova così tanti terremoti di alta magnitudo e punire tsunami?

Una spiegazione è che la collisione di due placche tettoniche che rispondono al largo della costa occidentale del Sud America si verifica, in termini geologici, ad un tasso molto elevato di velocità. La piastra di Nazca oceanica e la placca continentale Sudamericana convergono nella trincea Perù-Cile, che si trova a circa 100 miglia (160 chilometri) al largo della costa. La piastra Sudamericana prevalente si muove verso est a 10cm di un anno, mentre la subduzione Nazca piastra spinge ovest a 16 centimetri / y, una velocità di 26 centimetri / y di chiusura (circa 10 pollici), uno dei movimenti più veloci assoluti di ogni placca tettonica. La piastra Africa, per esempio, si muove a circa 7 volte più lento.

Questa elevata velocità di chiusura si accumula tensione linea di faglia molto più velocemente rispetto a quando le piastre più lento movimento convergono. Ogni pochi anni, tensione sulla linea di faglia Perù-Cile si accumula ad un punto di rottura. In questo ultimo terremoto il 1 ° aprile, a 100 km. Sezione (160 km) della linea di faglia rotto, permettendo la placca di Nazca per sbattere sotto la placca sudamericana. Questa improvvisa azione violenta 12,5 km (20,1 km) sotto il fondo dell'oceano innescato lo tsunami e il terremoto 8.2, e allo stesso tempo incunea la placca Sudamericana superiore. Uplifting di frequenti guasti alla linea guasto continua a costruire la Cordigliera delle Ande in uno dei più alti al mondo. Nel corso del 1960 M9.5 terremoto, alcune aree costiere sollevati fino a 10 piedi (3 m).

Finché le due placche tettoniche che rispondono al largo della costa del Sud America si muovono geologicamente a così alta velocità, terremoti e tsunami non mancherà di tenere accadendo. Ci auguriamo che le leggi urbanistiche e regolamenti edilizi messi in atto dai governi di Cile e Perù non mancherà di tenere i danni e perdite di vite al minimo.

Why Did the Hill Come Down?

Mentre scrivo, 21 persone sono morte e 30 sono dispersi nel disastroso 22 MARZO 2014, Oso, Washington colata di fango. Inviamo le nostre condoglianze a tutte le persone colpite da questa terribile tragedia.

Allo stesso tempo, dobbiamo chiederci perché una montagna boscosa improvvisamente taglio largo e seppellire un'intera comunità di 30 case sotto un 1 miglio quadrato (2,6 km ²) fango e detriti diapositiva 40 ft (12 m) di profondità.

Due motivi principali sono state date. Una è che la collina era diventato saturo dopo settimane di forti piogge. Le precipitazioni in quella zona durante il mese di marzo è stata del 200% del normale. Anche se il terreno è argilloso compattato che tende ad essere impermeabile, si ritiene c'erano delle crepe nella parte superiore che hanno permesso la pioggia di penetrare. L'altro motivo per il fallimento è che il fiume gonfio Stillaguamish alla base sottoquotazione la punta della collina. Con la base della collina indebolita e la pendenza pesante con la pioggia bagnato-in, la collina crollata.

Dopo un certo numero di frane era stato segnalato in quella zona durante i precedenti 40 anni, l'Army Corps of Engineers degli Stati Uniti ha fatto un sondaggio lì nel 1999 e ha emesso un avviso rapporto di "potenziale di fallimento catastrofico." Nel 2006, una sezione di tale stessa collina è crollato e ha bloccato il corso del fiume. Altre agenzie statali e locali avevano esaminato la collina in tempi diversi e tutto concluso che era instabile. Se le autorità dei permessi di emissione erano a conoscenza di tali constatazioni non è noto. Quello che si sa è che i permessi di costruzione per quella posizione hanno continuato a essere rilasciato, anche dopo la diapositiva 2006.

L'ultima compilazione di statistiche frana mondiali è stato pubblicato dalla American dell'Unione Geografica per l'anno 2010. In quell'anno, 6.211 persone sono morte in 494 eventi franosi in tutto il mondo. Sono stati segnalati 83.275 decessi frana per il periodo da settembre 2002 a dicembre 2010, una media di poco più di 10.000 all'anno. Le persone che vivono nelle montagne della Cina, India, America Centrale, Filippine, Taiwan e Brasile sono stati i più vulnerabili durante tale periodo. Frane e smottamenti si verificano spesso quando intense precipitazioni dalle tempeste tropicali e monsoni saturare colline che sono stati compromessi dal disboscamento, l'agricoltura e la costruzione. Anche se non è altamente drammatica come terremoti e maremoti, frane può essere il più costoso di tutti i disastri naturali in perdite di vite umane e di proprietà.

Negli Stati Uniti, vittime di frana media tra 25 e 50 l'anno, secondo il Centers for Disease Control and Prevention. Utilizzando Lidar in volo, un sistema di mappatura basato sul laser, è ora possibile creare una banca dati nazionale sulle aree in tutto gli Stati Uniti che sono suscettibili di Hillside fallimento, ma sarebbe un progetto a lungo e molto costoso. Fino a tale indagine è fatto, giurisdizioni locali dovranno fare affidamento su altri metodi per determinare le aree a rischio frana. Anche conoscendo i possibili pericoli, la gente ancora costruire case sottostanti pendii instabili, nelle zone di fuoco, e le pianure alluvionali. Spetta alle autorità urbanistiche locali di vietare edificio in questi luoghi pericolosi.

 

 

Offshore Wind Farms

Venti costanti nelle acque costiere rendono parchi eolici offshore altamente produttivo. La maggior parte delle turbine eoliche offshore sono installati su pali di fondazione in acque poco profonde a pochi chilometri del litorale, ma ci sono alcuni su piattaforme galleggianti più lontano verso il mare aperto.

20 parchi eolici offshore del Regno Unito ha fornito il 10% della produzione totale di energia elettrica di quella nazione nel mese di gennaio 2014, e l'11% nel mese di febbraio. La Gran Bretagna è il leader mondiale per numero di parchi eolici situati in acque costiere, e in quantità totale di energia prodotta. Germania, Paesi Bassi, Danimarca, Belgio e Svezia sono a ridosso con altri 58 parchi eolici off-shore, e decine di altri in costruzione o in fase di progettazione. Parchi eolici offshore sono proiettati per produrre 4% della potenza totale europeo nel 2020, e del 15% entro il 2030.

Gli Stati Uniti è leader mondiale nella quantità di energia prodotta dalle turbine eoliche: 120 miliardi di chilowattora nel 2013, che rappresenta oltre il 4% della produzione di energia degli Stati Uniti. Tuttavia, tutti i parchi eolici statunitensi sono attualmente basato terra. A questo punto, gli Stati Uniti non ha parchi eolici off-shore. I piani sono sul tavolo da disegno e permessi sono stati concessi per i parchi eolici offshore in Massachusetts, New Jersey, Rhode Island, e Oregon, ma finora nessun lavoro di costruzione è iniziata. Motivi addotti sono riluttanza ad aumentare il costo per il contribuente tasso, e NIMBY (non nel mio cortile) campagne per i proprietari di abitazione e gruppi ambientalisti.

Le coste dell'Atlantico e del Golfo degli Stati Uniti forniscono i siti più adatti per installazioni offshore rispetto alla costa del Pacifico, a causa di una pista più lunga e profonda verso il bordo della piattaforma continentale. In alcune zone, acque poco profonde si estendono fino a 200 km (160 mi) sulla costa atlantica. La piattaforma continentale drop-off per acque profonde sulla costa del Pacifico è più ripida e più brusca e non adatto per le aziende agricole acque poco profonde. Una società di Seattle ha ottenuto un contratto di locazione dal Dipartimento degli Interni per 15 chilometri quadrati di acque federali largo Coos Bay, Oregon, per un parco eolico su piattaforme galleggianti ancorate via cavo al fondo dell'oceano.

Può un imponente progetto di parco eolico off-shore anche servire come cuscinetto contro uragani e mareggiate? Sì, secondo uno studio condotto da Mark Jacobson, professore di ingegneria civile e ambientale a Stanford, e due co-autori, pubblicato sulla rivista Nature Climate Change. Nello studio, i ricercatori hanno utilizzato simulazioni al computer di uragani Katrina, Sandy, e Isacco per determinare l'effetto dei massicci centrali eoliche offshore in velocità del vento e tempesta. Nel caso di Katrina, i ricercatori hanno scoperto che una serie di 78.000 turbine in acque costiere avrebbe ridotto la velocità del vento al landfall 65% al 78%, e la tempesta del 79%. Risultati simili sono stati ottenuti per Sandy e Isaac. Non è probabile che 78.000 turbine saranno sempre installati in mare aperto in una fattoria, ma se fosse stato il caso, e se le conclusioni dei ricercatori sono corrette, avrebbero portato la velocità del vento di Katrina fino a 28-44 mph da 125 mph, salvato migliaia di vite, e di 100 miliardi di dollari di ricostruzione costa del Golfo. Inoltre, che molte turbine sarebbero producendo milioni di megawatt di energia pulita. E 'qualcosa a cui pensare.

 

 

 

 

 

 

Sole, vento, e acqua dolce

Conversione di acqua di mare in acqua dolce è ad alta intensità energetica, e quindi costoso. L'Arabia Saudita è un regno deserto con abbondante olio, ma molto poco di acqua fresca. I sauditi bruciare 1 milione di barili di petrolio al giorno per produrre il 60% (4 miliardi di metri cubi) del suo approvvigionamento totale di acqua dolce attraverso la desalinizzazione. Se esportato sul mercato mondiale, tali milione di barili di petrolio avrebbe portato l'Arabia Saudita 115 milioni dollari al giorno, ma ne vale la pena per loro di rinunciare ai profitti e avere l'acqua fresca. Dal punto di vista ambientale, bruciando 1 milione di barili di petrolio al giorno manda quasi un milione e mezzo di tonnellate di emissioni di CO2 in atmosfera ogni giorno, contribuendo notevolmente al ritmo del riscaldamento globale.

Per far fronte a questi problemi, i sauditi si sono uniti con IBM per costruire una serie di impianti di dissalazione a energia solare che potrebbe entro la metà del secolo la produzione di una larga quota del fabbisogno di acqua del regno.

Tuttavia, il più grande impianto di dissalazione a energia solare ancora progettato sarà costruito negli Emirati Arabi Uniti. L'impianto di Ras Al Khaimah, che dovrebbe iniziare la produzione nel 2015, produrrà 100.000 metri cubi (circa 22 milioni di galloni) di acqua fresca al giorno, e in aggiunta, fornire 20 megawatt di energia elettrica al giorno. Gli sviluppatori stimano che saranno in grado di erogare acqua ad un costo di $ 0,75 per metro cubo. Il costo medio per metro cubo di acqua erogata alle famiglie negli Stati Uniti corre tra 0,35 e 0,40. La maggior parte degli impianti di desalinizzazione gestiti da energia solare si trovano in Medio Oriente, dove c'è abbondanza di sole l'anno e la scarsità di acqua.

Il più grande impianto di dissalazione gestito da energia eolica è vicino a Perth in Western Australia. Il Kwinana impianto di desalinizzazione produce 144.000 metri cubi di acqua al giorno (circa 38 milioni di galloni), circa il 17% della fornitura di acqua di Perth. L'impianto Kwinana è alimentato da 80 Megawatt Emu Downs parco eolico si trova a 200 miglia di distanza. Poiché l'energia elettrica deve essere alimentato in modo uniforme 24/7, e perché il vento smette di soffiare di volta in volta, l'alimentazione dalla eolico va in rete su base trade-off. Il parco eolico contribuisce 270 gigawattora all'anno nella rete elettrica, più che compensando la Gigawatt / h all'anno 180 necessaria per azionare l'impianto di desalinizzazione. Ci sono un certo numero di impianti di dissalazione più piccoli gestiti da energia elettrica generata dal vento che va direttamente dal parco eolico alla pianta, ma Perth ha optato per la disposizione sfalsata.

La maggior parte degli impianti di desalinizzazione sono ancora azionati con alimentazione di rete generato da carbone, petrolio o gas naturale, perché è meno costoso che spendere centinaia di milioni per la costruzione di pannelli solari o eolici. Ad esempio, gli altri impianti di dissalazione d'Australia che forniscono acqua fresca a Sydney, Melbourne, Adelaide, e altre zone costiere utilizzano energia da combustibili fossili dalla rete. Ma sempre più, nuovi impianti di desalinizzazione in tutto il mondo sono previste per funzionare con energia alternativa. Ad un certo punto, in futuro, tutta la nostra energia elettrica dovrà provenire da tali fonti.

 

Pazzo Meteo & Global Warming

Nelle prime sei settimane del 2014, il mondo ha generato alcune delle previsioni più grave in centinaia di anni, comprese nevicate record nel Midwest e Grandi Laghi, record di freddo negli Stati Uniti nord-est, tempeste di ghiaccio nel sud-est, la siccità record nel sud-ovest , le inondazioni record di tempeste di vento e nel Regno Unito, il riscaldamento fuori stagione in Scandinavia e in Russia, record di nevicate nelle Alpi meridionali, record di inondazioni in Italia, e ondate di caldo record e incendi in Australia, Argentina e Brasile.

Nonostante il record di neve, ghiaccio e temperature di congelamento in alcune aree, il mondo ha proseguito la sua tendenza a lungo termine del riscaldamento verso l'alto. NOAA ha riferito che il 2013 è stato legato con il 2003 come l'anno più caldo mai registrato. Cosa sta succedendo?

Secondo un documento presentato questo mese ad una riunione del Assn americano. per l'Avanzamento della Scienza a Chicago, una corrente a getto indebolimento causato dal riscaldamento dell'Artico è una possibile causa. La corrente a getto polare è una corrente ad alta quota aria con velocità del vento di 100 a 120 mph (160 a 200kph) che agisce come un nastro trasportatore tempo. Quando le temperature artiche rimanere freddo, la corrente a getto soffia più forte e tende a rimanere sul posto, portando normale inverno in Nord America, Europa e Asia.

Nel gennaio 2014, la temperatura dell'aria sopra l'Oceano Artico era 2-4 ˚ C (4-7 ˚ F) superiore alla media, e 7-8 ˚ C (13 a 14 ˚ F) superiore alla media sulla Groenlandia e Alaska. Come riscalda l'Artico, la corrente a getto si indebolisce e inizia affondamento sud del suo percorso polare. Allo stesso tempo, ghiaccio marino artico si sta sciogliendo a un ritmo di record, esponendo più oceano ai raggi del sole. L'acqua dell'oceano più caldo, a sua volta accelera il riscaldamento dell'Artico. Pompe di più rapida evaporazione dell'umidità in più nell'atmosfera.

Una corrente a getto che affonda porta ad alta quota l'aria fredda artica carica di umidità sud nel Midwest e sud-est, e attraverso l'Atlantico verso l'Europa. Mentre l'Europa meridionale sta vivendo piogge record e nevicate, Nord Europa, normalmente molto freddo in gennaio e febbraio, è crogiolarsi a temperature eccessivamente calde. Con i ghiacciai e le calotte polari si sciolgono ad una velocità di registrazione, mare amministrazione ghiaccio e gli oceani riscaldamento, sembra ovvio che il riscaldamento globale è qui, e in qualche misura la guida attuali modelli climatici radicali del mondo. Il clima diventerà più radicale e tempeste più intense come la terra diventa più caldo.

Ma ciò che sta guidando il riscaldamento globale? Panel internazionale delle Nazioni Unite per i Cambiamenti Climatici (IPCC) ha concluso da tutte le prove scientifiche disponibili che è il 95% di probabilità che la maggior parte l'aumento della temperatura globale dalla metà del 20 ° secolo, è dovuto alle emissioni di gas a effetto serra, deforestazione, e altre attività umane.

Se le emissioni a effetto serra continueranno al loro tasso attuale i modelli computerizzati dell'IPCC predicono il nostro pianeta si riscalda 5 ˚ C (9 ˚ F) entro il 2100, e del 10 ˚ C (18 ˚ F) nel corso del secolo successivo. La terra è ora più calda di quanto lo è stato fin dalla fine dell'ultima era glaciale 11300 anni fa. Se non riduciamo drasticamente le nostre emissioni di base di carbonio e cominciamo a fare maggiore affidamento sui carburanti alternativi, siamo diretti verso una nuova era glaciale? Oppure un'altra epoca abbastanza caldo per i dinosauri?

 

 

 

 

 

 

Disastri Naturali 2013 Recensione

Secondo i dati diffusi dalla tedesca Riassicuratore Munich Re, il doppio delle morti nei disastri naturali nel 2013 rispetto all'anno precedente, ma i danni di proprietà e assicurazione perdite erano significativamente meno.

Munich Re riporta 880 eventi di calamità naturali nel 2013, costa $ 125 miliardi le perdite totali, rispetto ai 173 miliardi dollari nel 2012, e perdite assicurate di 31 miliardi dollari, circa la metà dei costi assicurati durante l'anno prima. Tuttavia più di 20.000 persone sono morte in disastri naturali nel 2013, il doppio del numero di decessi segnalati per il 2012. Ecco alcuni dei disastri naturali più costose del 2013, sia in vita o perdite di proprietà.

Terremoti: magnitudo 7,0-7,7 terremoti hanno colpito la Cina in aprile, in Pakistan nel mese di settembre, e l'isola di Bohol nelle Filippine nel mese di ottobre, uccidendo 1.300 e distruggendo decine di migliaia di case. Importi danni non erano disponibili.

Tornado: Il 20 maggio, un EF-5 tornado con una velocità del vento di 210 mph (340 kmh) strappato attraverso la città di Moore, Oklahoma. Il tornado, 1,3 miglia (2 km) di larghezza, è rimasto a terra per 40 minuti su un 17 miglia (27 chilometri) percorso di distruzione. 1.150 case sono state spazzate via, 91 persone sono morte, tra cui 7 bambini in una scuola locale. Danno totale è stato di più di $ 2 miliardi.

Inondazioni: Inondazioni in India, Europa centrale, Canada, Messico e Colorado hanno provocato un numero di vittime combinata di 7.000 e danni superiori a $ 30 miliardi. Inondazioni europea è stata chiamata la peggiore dal Medioevo. La maggior parte dei decessi si sono verificati in inondazioni e frane nelle montagne del nord dell'India e del Nepal.

Sciopero Meteor: Una meteora 13.000 tonnellate che viaggia a 60 volte la velocità del suono striato nell'atmosfera terrestre il 15 febbraio ed esplose in una palla di fuoco sopra la regione Caucaso della Russia. L'onda d'urto danneggiato 7.200 edifici e il ferimento di 1.500 persone. Le lesioni erano principalmente di volare in vetro dalle finestre soffiato-out. Fortunatamente, non ci sono stati decessi segnalati.

Incendi: fuochi di spazzola in Australia e in California bruciati centinaia di migliaia di ettari. Nel mese di ottobre, i vigili del fuoco australiane combatterono 66 fuochi di spazzola lungo una linea che si estendeva per 1000 miglia (1650 km). In California montagne della Sierra Nevada, il Fuoco Rim che è iniziato nel mese di agosto non è stato messo fuori a metà ottobre, dopo aver bruciato 257.000 ettari di spartiacque boscoso.

Tifoni: Super Typhoon Haiyan ha colpito l'isola di Leyte Filippine l'8 novembre con velocità del vento di 195 mph (320 kmh), il più forte mai registrato per un tropicale approdo fare ciclone. A 20-ft (6m) ondata di marea spazzato via la città di Tacloban. Più di 6.000 persone hanno perso la vita nella tempesta. Il costo totale è stato stimato fino a 15 miliardi dollari.

Mentre la stagione dei tifoni del Pacifico era molto attivo, con 31 tempeste tropicali, di cui 13 erano tifoni e 5 erano super tifoni, la stagione degli uragani dell'Atlantico era molto più tranquillo del previsto, senza grandi tempeste. Le prime settimane del 2014 sono stati anche relativamente tranquilla, ad eccezione del Mt.. Eruzioni vulcaniche Sinabung in Indonesia, durante la quale 14 persone sono morte e 20.000 sono stati evacuati. Inevitabilmente, ci saranno più disastri naturali nei prossimi mesi. Dovremo aspettare e vedere ciò che il resto del 2014 porterà.